This site uses cookies to provide a better experience. Continuing navigation accept the use of cookies by us OK

“COSTITUITA LA RAPPRESENTANZA CIU IN ESTONIA”

Date:

10/07/2010


“COSTITUITA LA RAPPRESENTANZA CIU IN ESTONIA”

È stata costituita la delegazione CIU dei professionisti italiani all’Estero in ESTONIA.
La Dr.ssa Clea Zurlo, è il Responsabile della predetta delegazione CIU con sede a Tallin.
I recapiti cliccando sul sito il link  Sedi CIU nel Mondo.


La strategia sulla “rete dei professionisti italiani all’Estero”, ad un anno è mezzo dalla sua attivazione, possiamo dire abbia dimostrato non solo di rispondere ad una esigenza sinora non individuata, sul piano della rappresentanza, da organismi italiani, ma ha altresì indicato alle Istituzioni nazionali un potenziale fattore di sviluppo sul piano professionale, culturale e imprenditoriale.

Infatti nella riforma del Ministero degli Affari Esteri italiano, che partirà da gennaio 2011, nell’ambito della nuova Direzione Generale del “sistema Italia” vi sarà anche un capitolo che riguarderà le alte professionalità all’estero, cioè la tematica lanciata dalla CIU.

Inoltre apprendiamo che il modello organizzativo e di rappresentanza della CIU può essere “esportato” in altri Paesi in particolare in quelle Nazioni che sono entrate nell’Unione Europea, provenendo dall’esperienza comunista dell’Est Europeo, dove non era consentito questo tipo di aggregazioni.

La Giunta Confederale nella riunione del 21 giugno u.s. ha attivato una struttura statutaria, corrispondente ad una “federazione” per le confederazioni tradizionali, con “l’Agenzia dei professionisti italiani all’Estero”, fornendo così una dignità piena confederale. È stato altresì nominato un segretario nazionale “ad hoc” nella persona dell’Ing. Tommaso di Fazio che ha ben operato in Romania con l’ottimo risultato organizzativo del forum di Bucarest nel maggio scorso e nei rapporti successivi con la costituzione di un “tavolo di consultazione italo-rumeno” presso il Ministero del Lavoro di quel Paese.

IN SINTESI I SERVIZI PER I PROFESSIONISTI ITALIANI ALL’ESTERO.

L’idea su cui poggia questo progetto della CIU (Confederazione Italiana di Unione delle Professioni Intellettuali) è fondata sui valori che accomunano le comunità italiane all’estero delle elevate professionalità quali l’identità culturale italiana, la solidarietà della funzione manageriale, la consapevolezza di un elevato tasso di professionalità, uniti alla definizione dei bisogni e all’individuazione delle difficoltà che i professionisti italiani all’estero si trovano ad affrontare nella loro vita quotidiana - personale e professionale - nel rapporto con l’Italia. 

La strategia sulla “rete dei professionisti italiani all’Estero”, (professionalità con funzioni direttive, dirigenziali di consulenza amministrativa, professionale o di impresa) ad un anno è mezzo dalla sua attivazione, ha dimostrato non solo di rispondere ad una esigenza sinora non individuata, da organismi italiani, ma ha altresì indicato alle Istituzioni nazionali un potenziale fattore di sviluppo sul piano professionale, culturale e imprenditoriale.

Infatti nella riforma del Ministero degli Affari Esteri italiano, che partirà da gennaio 2011, nell’ambito della nuova Direzione Generale del “sistema Italia” vi sarà anche un capitolo che riguarderà le alte professionalità all’estero, cioè la tematica lanciata dalla CIU.

Premesso di possedere tutti i riconoscimenti istituzionali necessari, la CIU ha assunto il ruolo di portavoce, disponendo dei canali necessari quale membro del CNEL a livello italiano e del CESE (Comitato Economico e Sociale Europeo) a livello comunitario Europeo, dei professionisti italiani che operano all'estero, ma quasi sempre isolati.Quali gli obbiettivi pratici ed i servizi offerti dalla CIU?

a) ricongiungimento contributivo previdenziale dei periodi lavorativi all'Estero (COM 2010 – 365/CE) b) riconoscimento titoli di studio e di quelli professionali (dir. 2005/36/CE)
c) evitare la doppia fiscalità
d) forum e convegni in sedi estere per rafforzare la presenza nel Paese ospitante
e) una rete di legali specializzati in diritto del lavoro e dell’impresa
f) costituzione di “cooperative europee del sapere” o di “Cooperative del Sapere” tra professionisti
g) pubblicazione mensile della Newsletter di informazione “CIU-ESTERO”
h) teleconferenze per scambi informativi tra professionisti, aderenti alla rete, residenti in Paesi diversi

Per avere maggiori notizie cliccare area Professionisti Italiani all’Estero:

http://www.ciuonline.it/sedi%20ciu%20nel%20mondo/index%20sedi%20ciu%20mondo.htm          


152