Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Cooperazione economica

 

Cooperazione economica

Nel 2019 le esportazioni italiane in Estonia, pari a 462,33 milioni di Euro, hanno registrato rispetto al 2018 un andamento analogo in termini di valore. Nel periodo di riferimento le nostre importazioni dal Paese sono ammontate a 144,16 milioni di Euro e registrano un aumento sull’anno del 4%. Nel 2019 il saldo commerciale presenta un avanzo per l'Italia di 318,2 milioni di Euro.

Tra le principali voci dell’export italiano in rapporto al valore complessivo delle merci esportate si annoverano i macchinari ed apparecchiature con una quota del 18,6% sul totale, le apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche (8,2%), i prodotti chimici (7,8%), gli autoveicoli, rimorchi e semirimorchi (6,2%), gli articoli di abbigliamento e prodotti della metallurgia (6,1%). Nel periodo di riferimento i più importanti incrementi sull’anno delle nostre esportazioni si sono registrati tra le prime dieci posizioni alle voci bevande (+13,1%), articoli di abbigliamento e prodotti chimici (+3,7%), apparecchiature elettriche (+2,8%). In diminuzione rispetto al 2018 le esportazioni italiane di prodotti della metallurgia (-10,9%), prodotti alimentari (-9,6%), macchine e apparecchiature (-5,5%) e prodotti tessili (-4,6%).

Riguardo alle importazioni dall’Estonia, il rilevamento indica tra le principali voci computer e prodotti di elettronica ed ottica con una incidenza in rapporto al valore complessivo delle merci importate del 15,9%, apparecchiature elettriche (14,1%), carta e prodotti in carta (12,4%), legno e prodotti in legno (11,7%), macchinari ed apparecchiature (9,8%). I principali incrementi sull’anno sono stati registrati alle voci computer e prodotti di elettronica ed ottica (+71,6%), apparecchiature elettriche (+31,8%), prodotti alimentari (+14,5%), legno e prodotti in legno (+7,1%).

Secondo i dati della Banca di Estonia aggiornati a marzo 2020, l’Italia occupa alla data del 31 dicembre 2019 la 23ma posizione nella graduatoria degli investimenti diretti esteri con un ammontare complessivo di 87,1 milioni di Euro, pari allo 0,4% del totale degli IDE in entrata. Rispetto al 2018, anno in cui lo stock di investimenti italiani è stato di 72 milioni di Euro, l’aumento tendenziale si è attestato al 21%. Nello stesso periodo di riferimento lo stock di IDE estoni in Italia si è ammontato a 80,2 milioni di Euro pari a circa l’1% del totale. Gli investimenti collocano l’Italia al 14mo posto nella classifica delle principali destinazioni degli IDE in uscita dal Paese. Rispetto ai 78,6 milioni di Euro rilevati al 31 dicembre 2018 lo stock di investimenti estoni verso l’Italia presenta un aumento del 2%.

Anche il turismo svolge un ruolo importante nelle relazioni italo-estoni. Secondo l’ultimo rilevamento ISTAT nel 2018 sono stati registrati 74.712 arrivi dall’Estonia (in aumento del 9,1% rispetto al 2017) e 216.920 presenze con una permanenza media di 2,9 giorni. Riguardo al flusso turistico dall’Italia i dati dell’Ufficio di statistica estone indicano che nel 2018 sono stati registrati 35.157 arrivi dal nostro Paese (+1% su base annua) e 92.530 presenze con una permanenza media di 2,6 giorni.

Per ulteriori informazioni si suggerisce di consultare la pagina dedicata all'Estonia nel sito InfoMercatiEsteri.


27