Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Fare affari in Estonia

 

Fare affari in Estonia

 

  • Info MercatiEsteri

La sezione “Fare Affari in Estonia” e’ dedicata agli imprenditori interessati ad operare in Estonia.

Si riepilogano qui di seguito i cinque “perche’ Estonia” pubblicati nella sezione dedicata del sito http://www.infomercatiesteri.it/paese.php?id_paesi=66 a cura dell’Ambasciata d’Italia in Tallinn.

1. Tecnologie dell'informazione e diffusione (ampia) della lingua inglese e (piu' ridotta) di quella italiana
L'Estonia è tra i Paesi più avanzati nell'IT. Internet e' molto diffuso nel sistema economico e bancario. Si puo' avviare un'impresa "on line". Dal dicembre 2014 anche gli imprenditori stranieri possono ottenere l'"e-residency" (per piu' dettagliate informazioni consultare il sito web "e-estonia.com"). Circa il 60% della popolazione parla l'inglese; tale percentuale e' molto piu' alta tra le giovani generazioni. A Tallinn e Tartu vi sono corsi universitari di italiano da cui escono diplomati che possono essere eventuali utili collaboratori per gli imprenditori italiani.

2. Buona posizione geografica
La posizione geografica rende l'Estonia un possibile punto di partenza per la penetrazione nei mercati circostanti: Baltici, Scandinavia, Europa orientale, Russia occidentale. Tale penetrazione e' facilitata da buone infrastrutture nei trasporti.

3.  Sistema impositivo vantaggioso
In Estonia e' applicata un'aliquota impositiva unica del 20% per le persone fisiche e giuridiche. Non c'e' tassazione sugli utili delle imprese in caso di reinvestimento. I contributi a carico del datore di lavoro ammontano attualmente al 33% della retribuzione lorda (20% per il fondo previdenziale, 13% per l'assistenza sanitaria). Vi è inoltre un contributo al fondo di disoccupazione pari allo 0,8%.

4.  Stabilita' politica
Il Partito Riformista (prima con il Premier Ansip e dal marzo 2014 con l'attuale Premier Roivas) guida il governo, in diverse coalizioni, dal 2005. Ha vinto tre elezioni consecutive nel 2007, 2011 e 2015. Tali circostanze assicurano (e probabilmente assicureranno anche in futuro) una forte stabilità politica corroborata dal fatto che il Capo dello Stato Ilves è ininterrottamente in carica dal 2006.

5. Positivi indici su libertà economica, competitività e regolamentazione d'impresa
Da alcuni anni l'Estonia è tra i primi posti nell'Index of Economic Freedom, la graduatoria annuale sulla libertà economica di 186 Paesi elaborata dal 1995 dal The Wall Street Journal e dalla Heritage Foundation di Washington. Il rapporto sulla competitività globale 2015-2016 a cura del World Economic Forum di Ginevra riguardante 140 Paesi colloca l'Estonia alla 30esima posizione. Il rapporto Doing Business 2016 della Banca Mondiale sulla regolamentazione d'impresa in 189 Paesi posiziona l'Estonia al 16esimo posto.

Per ulteriori informazioni contattare l’Ufficio Commerciale dell’Ambasciata (Tel. +372 6276160; commerciale.tallinn@esteri.it), l’Ufficio ICE di Stoccolma, competente anche per l’Estonia (Tel. +46 8 248960; stoccolma@ice.it) e consultare la pagina “Estonia” del sito www.infomercatiesteri.it. Per le gare d'appalto in Estonia e’ a disposizione il sito “extender.esteri.it”.


30